Giovani condannati a 8 anni per stupro. Parenti sfasciano il tribunale Reviewed by Momizat on . Appena emessa la sentenza di condanna per stupro ai danni di tre giovani, i loro familiari hanno scatenato un putiferio nell'aula del Tribunale di Velletri. I t Appena emessa la sentenza di condanna per stupro ai danni di tre giovani, i loro familiari hanno scatenato un putiferio nell'aula del Tribunale di Velletri. I t Rating:
Home » Cronaca » Giovani condannati a 8 anni per stupro. Parenti sfasciano il tribunale

Giovani condannati a 8 anni per stupro. Parenti sfasciano il tribunale

Appena emessa la sentenza di condanna per stupro ai danni di tre giovani, i loro familiari hanno scatenato un putiferio nell’aula del Tribunale di Velletri.

I tre condannati sono Emiliano e Nicolas Pasimovich, 20 anni, gemelli di origine argentina e Maurizio Sorrentino, 21 anni di Torre Annunziata, i quali dovranno scontare 8 anni e sei mesi di reclusione per aver violentato una ragazza di origine rumena, che all’epoca dei fatti aveva 16 anni.

Appresa la sentenza, i familiari dei condannati hanno iniziato ad inveire contro i giudici ed aggredito le forze dell’ordine. Hanno sfasciato tutto ciò che trovavano, sedie, vetrine e cestini gettandoli sulle autovetture delle forze dell’ordine parcheggiate davanti al Tribunale. La corte è rimasta bloccata all’interno di una stanza del Tribunale. Al termine degli incidenti, 20 persone sono state arrestate dai carabinieri, 12 uomini ed 8 donne, tutti amici e parenti dei condannati. Le accuse nei loro confronti sono pesanti, dovranno rispondere di reato di minaccia a corpo giudiziario, resistenza e violenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato.

I venti arrestati sono stati trasferiti nelle carceri di Velletri, Regina Coeli e Rebibbia, in attesa di essere ascoltati dal gip per la convalida del fermo. Per far ritornare la situazione nella normalità, sono dovuti intervenire i carabinieri da Castel Gandolfo, Palestrina, Anzio e Colleferro e la polizia di Albano e Colleferro.

Lo stupro. I tre giovani sono stati condannati per stupro di gruppo ai danni di Micaela, una sedicenne rumena residente a Velletri. Il reato si è consumato il 5 aprile 2010, il giorno di Pasquetta. Proprio con uno di questi ventenni, la giovane aveva avuto una relazione. E’ da quel giorno che i ventenni sono stati arrestati e sono rimasti in carcere nonostante i ricorsi degli avvocati. Dopo 18 mesi è avvenuta la sentenza, che ha coinvolto condannati e loro familiari.

 

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su