La Padania esiste? Reviewed by Momizat on . E' stato il cavallo di battaglia della Lega Nord fin dalle sue origini, e lo è ancora. Stiamo parlando del richiamo "nazionale" della Padania, quel desiderio di E' stato il cavallo di battaglia della Lega Nord fin dalle sue origini, e lo è ancora. Stiamo parlando del richiamo "nazionale" della Padania, quel desiderio di Rating:
Home » Cronaca » Politica » La Padania esiste?

La Padania esiste?

E’ stato il cavallo di battaglia della Lega Nord fin dalle sue origini, e lo è ancora. Stiamo parlando del richiamo “nazionale” della Padania, quel desiderio di indipendenza delle regioni settentrionale dal centralismo asfissiante e incapace di “Roma ladrona” sbandierato dal partito di Bossi. Ma questa Padania, esiste?

“La Padania non esiste” affermava a settembre il Capo dello Stato Giorgio Napolitano. Il giorno dopo il quotidiano leghista La Padania rispondeva senza mezzi termini “Io esisto e sono padano”. Discutere di questo tema risulta particolarmente significativo nel 2011, anno del 150° anniversario della nascita del Regno d’Italia. Focus Storia ha pubblicato sul numero 61 di novembre 2011 l’intervista a Francesco Tuccari, studioso del movimento padano e professore ordinario di Storia delle dottrine politiche presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Torino.

Tuccari sostiene che l’idea di una identità padana esista a causa della globalizzazione. Come nell’800 Napoleone unificò l’Europa facendo nascere sentimenti nazionali (compreso quello italiano), così l’attuale globalizzazione unificando il mondo e negando le realtà locali finisce per amplificarle. Così lentamente è avvenuto per la Lega con la Padania o per i bretoni in Francia o per i catalani in Spagna.
Quest’idea divenne forte per le oggettive differenze culturali, industriali ed economiche che caratterizzano il Nord dal Sud Italia. Tuttavia, questa differenza non è da far risalire all’antico popolamento celtico, alla cui tradizione la Lega Nord ha voluto rifarsi, ma allo sviluppo economico dei secoli XVI-XVII: a Nord prevalse l’economia di mercato, nel Sud papalino e borbonico il latifondo.

Per quanto riguarda i simboli, anche Alberto da Giussano, il condottiero medievale della Battaglia di Legnano(1176), non è mai esistito.

Statua di Alberto da Giussano.

E quella battaglia, che per la Lega Lombarda (fondatrice della Lega Nord) fu il simbolo della riscossa del Nord contro il centralismo statale italiano, fu anche uno dei miti fondanti della stessa Nazione italiana nell’Ottocento. Ma al tempo il nemico non era “Roma ladrona”, piuttosto era l’Austriaco, che occupava il Lombardo-Veneto.

Si arriva dunque alla domanda più calda: la Padania esiste? Lo storico risponde: “La Padania esiste, ma solo come entità geografica”. A questo punto dunque è normale ripensare alle parole del leghista Gianluca Buonanno: “La Padania esiste perché esiste il Grana padano”.

Tralasciando le battute e le risate ironiche, appare chiaro ora che Buonanno non abbia affermato nulla di eccezionale. Esistono molti libri e articoli di geografia (precedenti al movimento leghista) che parlano di “Padania”, nominandola proprio così. Esiste il Grana padano appunto, così come Italo Balbo fu direttore durante il fascismo del Corriere padano. Un’entità geografica con questo nome esiste, lo dimostra il fatto stesso che se esiste l’aggettivo ticinese dal fiume Ticino, esiste anche l’aggettivo padano per il Po (Padus in latino).

Tuttavia un conto è parlare di regione geografica e un conto è parlare di entità politica. La Padania come entità politica non esiste, e mai la si è immaginata fino alla nascita della Lega Lombarda. Tuttavia Tuccari afferma: “Se però teniamo conto che la Lega Lombarda esiste dal 1984, è innegabile che [la Padania] sia anche un fenomeno culturale. Fu così anche per l’Italia: a metà Ottocento non esisteva, se non per pochi intellettuali. Tanto che il cancelliere austriaco Metternich la definì una mera espressione geografica“.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su