Sventata rapina per 30 milioni nel napoletano Reviewed by Momizat on . Ieri sera il corpo poliziesco di Napoli ha sventato una delle rapine più classiche,ma più ad effetto del vasto repertorio appartenente ai malviventi, cioè quell Ieri sera il corpo poliziesco di Napoli ha sventato una delle rapine più classiche,ma più ad effetto del vasto repertorio appartenente ai malviventi, cioè quell Rating:
Home » Cronaca » Sventata rapina per 30 milioni nel napoletano

Sventata rapina per 30 milioni nel napoletano

Ieri sera il corpo poliziesco di Napoli ha sventato una delle rapine più classiche,ma più ad effetto del vasto repertorio appartenente ai malviventi, cioè quella che prevede di intrufolarsi nel caveu di una banca, in questo caso l’istituto di vigilaza Bsk.

Attorno alle ore 20 la banda, formata da 11 persone, tra cui anche una donna, che aveva il compito di fare da vedetta, era ormai pronta per passare all’azione, quando l’attenzione delle forze dell’ordine è stata attirata dalla presenza di due furgoni nelle vicinanze della banca, dei quali uno dei due riportava una targa rubata.

Gli accertamenti dei poliziotti hanno portato ad un ritrovamento della portata ben superiore a quello di un autoveicolo rubato: all’interno delle vetture c’erano infatti un kalashnikov, una pistola automatica, altre armi da fuoco di grosso calibro, finti candelotti di dinamite, nonché decine di sacchi di juta che avrebbero dovuto essere riempiti di banconote. Insomma, tutti gli ingredienti per portare a termine una rapina di grande portata, che secondo le stime, fornite dalla stessa Bsk, si sarebbe aggirata tra i 30 ed i 40 milioni di euro.

Mentre la polizia era intervenuta sui furgoni, la banda si stava preparando in un vicino locale ed i suoi membri avevano provvisto a coprirsi i volti con dei passamontagna o con delle maschere di carnevale, mentre avrebbero indossato successivamente dei giubbotti antiproiettile tipici delle guardie giurate, in modo da confondere le persone a difesa del caveu. Tra gli undici membri del team sono stati identificati anche pregiudicati come il capo, Carmine Laurino, ma anche due incensurati.

Ora le indagini stanno proseguendo per capire se il gruppo di rapinatori possa aver preso parte anche ad altre rapine, come assalti a furgoni portavalori, che erano diventati molto di moda nella regione. In particolare, l’attenzione delle forze dell’ordine è rivolta verso un episodio dell’ottobre 2006 in cui due guardie giurate furono uccise.

Intanto il prefetto di Napoli, Andrea de Martino, ha voluto esprimere tutte le sue congratulazioni al corpo di polizia per l’efficienza e la capacità dimostrate.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su