Rinasce il teatro Bolshoi Reviewed by Momizat on . Un memorabileconcerto di gala e un parterre di teste coronate, capi di Stato, di governo e tanti altri vip selezionati direttamente dal Cremlino, il teatro Bols Un memorabileconcerto di gala e un parterre di teste coronate, capi di Stato, di governo e tanti altri vip selezionati direttamente dal Cremlino, il teatro Bols Rating:
Home » Flash » Rinasce il teatro Bolshoi

Rinasce il teatro Bolshoi

Un memorabileconcerto di gala e un parterre di teste coronate, capi di Stato, di governo e tanti altri vip selezionati direttamente dal Cremlino, il teatro Bolshoi di Mosca riaprirà i battenti venerdì prossimo, dopo l’ultimo e piu’ imponente restauro della sua storia, durato sei anni e costato finora almeno 580 milioni di euro (anche se gli esperti di settore parlano di una cifra doppia). Il teatro rinasce così nella sua versione imperiale ottocentesca cancellando i retaggi sovietici a partire dal famoso simbolo della “falce e martello”. All’inaugurazione sarà presente anche il premier Vladimir Putin eil presidente Dmitri Medvedev con la moglie Svetlana.

Il concerto, diretto da Dimitri Cerniakov, sara’ ritrasmesso in diretta su un maxi schermo davanti al teatro, vicino alla piazza Rossa, nonchè in 600 cinema d’Europa, tra cui 40 sale italiane. Si esibiranno i più grandi cantanti del mondo dell’opera, tra cui Placido Domingo, Nathalie Dessay, Dmitri Khvorostovski, Angela Gheorghiu, Violeta Urmana ed il programma sarà una carrellata della secolare storia del teatro: non proporrà solo un appassionante viaggio tra le opere, ma anche i balletti russi spaziando da Glinka a Shostakovich.

Il teatro Bolshoi, che era stato per la prima volta inaugurato con il balletto “Cendrillon” del famoso chitarrista spagnolo Fernando Sor nel 1825, è dunque pronto per una nuova inaugurazione e per la sua 236/a stagione. Nonostante il ritardo di tre anni e gli scandali finanziari (costi lievitati di 16 volte), il Bolshoi – “fotografato” sulla banconota da 100 rubli – rinasce quindi come previsto, con meno posti (1720 contro i precedenti 2220) ma una superficie quasi raddoppiata (oltre 70 mila mq), e il risanamento di fondamenta e murature per evitarne il crollo. Il ‘look’ e’ zarista, con l’aquila bicipite (al posto di falce e martello) e la scritta Russia (anziche’ Urss), le dorature rifatte da 156 restauratori con un’antica ricetta medievale a base di bianco d’uovo e vodka (in totale 5 kg di oro massiccio per 900 metri quadri), gli interni rinnovati con legno di pino raro, il soffitto con le dieci muse nel cielo blu perfettamente restaurato, il foyer imperiale tornato ai vecchi fasti dopo aver ospitato in epoca sovietica le riunioni delle cellule comuniste. Anche tanta modernità nel teatro con un duplice palcoscenico girevole, la buca dell’orchestra allargata (contiene ora sino a 135 musicisti) mobile e con una nuova risonanza acustica, tre nuove sale prove, di cui una sotterranea utilizzabile anche per la musica da camera (capienza 300 spettatori), palcoscenici ‘ortopedici’ per i ballerini con speciali ammortizzatori per l’atterraggio soft.L’acustica sembra tornata quella dei tempi zaristi.

Nel nuovo Bolshoi molto presente “l’Italia” grazie alla veneziana Rubelli che, dopo aver ”vestito” la Fenice, la Scala, il San Carlo e il Petruzzelli di Bari, ha realizzato nella sua tessitura di Cucciago, vicino a Como, oltre 12.000 metri di damaschi, lampassi, broccatelli e tessuti tecnici destinati a palchi, gallerie e platea del tempio del balletto russo, riproducendo le varianti cromatiche dei campioni originali e garantendo prodotti antifiamma. Solo il sipario ha richiesto un anno e mezzo di lavorazione, con un disegno che cita gli elementi tipici dell’iconografia russa, sete preziose e l’impiego di 500 kg di filato d’oro puro. Un altro tocco italiano sono i 3000 mq di mosaici veneziani ricreati nei vestiboli e nelle gallerie dopo la scoperta di un frammento di quello originario rimosso in epoca sovietica. L’aveva disegnato Alberto Cavos, l’architetto italo-russo di famiglia veneziana autore del Marinski di San Pietroburgo e del Bolshoi dopo l’incendio del 1856: ossia di quello che l’ultimo restauro ha voluto restituire, riscattando un teatro sopravvissuto a tre roghi, ai bombardamenti della seconda guerra mondiale e all’usura dell’epoca sovietica, quando fu usato per le riunioni di partito e i discorsi di Stalin, mentre la costruzione della sottostante linea metropolitana danneggio’ un’acustica ritenuta la migliore del mondo.

Ed è così che il nuovo teatro ha già grandi progetti: il 22 novembre la Scala sara’ il primo teatro straniero ospite del Bolshoi, con la Messa da Requiem di Verdi diretta dal maestro Daniel Barenboim.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)

Rinasce il teatro Bolshoi, 5.0 out of 5 based on 1 rating

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su