Sfida aperta ai luoghi comuni Reviewed by Momizat on . Specialmente quelli sull’Arte I luoghi comuni rappresentano dei temibili confini mentali, da combattere con caparbietà in quanto fungono da schermo e barriera a Specialmente quelli sull’Arte I luoghi comuni rappresentano dei temibili confini mentali, da combattere con caparbietà in quanto fungono da schermo e barriera a Rating:
Home » Cultura » Arte » Sfida aperta ai luoghi comuni

Sfida aperta ai luoghi comuni

Specialmente quelli sull’Arte

I luoghi comuni rappresentano dei temibili confini mentali, da combattere con caparbietà in quanto fungono da schermo e barriera alla conoscenza, ci impediscono di comprendere le situazioni in una prospettiva più ampia, di usare il nostro senso critico alimentando la nostra pigrizia mentale. Si rende indispensabile stroncare i luoghi comuni se vogliamo evitare di cadere continuamente in errori provocati da ogni sorta di infondati “lo dicono tutti”. Su tale tema il testo: The Book of General Ignorance di John Lloyd e John Mitchinson del 2006, rappresenta davvero un significativo contributo alla risoluzione del problema in quanto ci aiuta a capire quanto siano diffuse le “false certezze” e quanto sia importante coltivare il  dubbio, insieme a un’insaziabile curiosità.

Questi “automatismi” sono diffusissimi anche in Arte e non fanno che ingenerare equivoci e idee preconcette sia sulle opere d’arte che sugli artisti. Così per esempio tutti “credono di sapere” che Giotto sapeva segnare a mano libera un cerchio perfetto,  mentre davvero  pochi sono a conoscenza del valore della sua rivoluzione pittorica, profetica del Rinascimento; la Gioconda, opera universalmente conosciuta, viene ricordata quasi esclusivamente per il suo sorriso enigmatico, dimenticando come rappresenti soprattutto uno dei ritratti psicologici più all’avanguardia del suo tempo. Marcel Duchamp, un dadaista, aveva cercato di dirci qualcosa disegnando, in modo provocatorio, due bei baffi e un pizzetto sul volto della più famosa modella di Leonardo, nel tentativo di contestare la venerazione che gli è attribuita passivamente dall’opinione pubblica; anche Duchamp è caduto nelle trame dei luoghi comuni, oggi passa solo per uno scherzetto ideato da un artista irriverente e leggermente folle. Altro luogo comune: artisti = follia.

I turisti vengono in massa a Verona e si fiondano a visitare la cosiddetta “casa di Giulietta”, un falso conclamato, una suggestione , dimenticando che a Verona sono presenti molti luoghi, monumenti e opere inestimabili.

Potremmo andare avanti a lungo ma concludiamo con un luogo comune ricorrente, in modo irritante, nei confronti dell’arte contemporanea. Sostenuti da un certo numero di “pensatori”, molti affermano di fronte ad opere d’arte del ‘900,  ridacchiando: “non ci capisco nulla”, senza vergognarsi, sicuri di trovare negli altri piena concordanza e approvazione. Questo risultato è dovuto al preconcetto che l’arte sia verosimiglianza, ossia imitazione esteriore della natura.

Una totale chiusura e rifiuto verso il nuovo è abbastanza diffusa nella maggioranza delle persone; sembra infatti più tranquillizzante  l’arte nel solco della tradizione, soprattutto se alla ricerca della bellezza e del naturalismo. Stupisce però come siano molti i giovani a mostrare difficoltà ad entrare nella dimensione degli artisti che hanno scelto di esprimere i propri pensieri cercando nuove strade. L’arte, è una speciale attività del pensiero, dovrebbe forse limitarsi ad essere solo una mera  riproduzione della realtà?

Come nella favola di Peter Pan, apriamo la finestra e con un pizzico di polvere magica dorata, possiamo con grande stupore volare, solo però se ci liberiamo dai preconcetti, accumulati e incrostati nella nostra mente sopita.

“…e forse tutti potremmo volare, se avessimo così profonda fiducia nella nostra capacità di farlo, come l’aveva l’audace Peter Pan quella sera”

Marcel Duchamp – L.H.O.O.Q.  1919

 

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Commenti (1)

  • francesco

    Un articolo che fa riflettere. Sfatare i luoghi comuni è doveroso. Cercherò di seguire i suggerimenti e proverò a “volare”.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    Rispondi

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su