OGM tra i felini: in arrivo i gatti fluorescenti Reviewed by Momizat on . Dalla clinica Mayo di Rochester, negli Stati Uniti, arriva la notizia della creazione di tre gatti geneticamente modificati in grado di diventare verde fluoresc Dalla clinica Mayo di Rochester, negli Stati Uniti, arriva la notizia della creazione di tre gatti geneticamente modificati in grado di diventare verde fluoresc Rating:
Home » Scienze&Tecnologie » OGM tra i felini: in arrivo i gatti fluorescenti

OGM tra i felini: in arrivo i gatti fluorescenti

Dalla clinica Mayo di Rochester, negli Stati Uniti, arriva la notizia della creazione di tre gatti geneticamente modificati in grado di diventare verde fluorescente se illuminati con della luce blu. Gli animalisti, tuttavia, non hanno di che preoccuparsi: non si tratta di un sadico esperimento, bensì di uno studio che permetterà di combattere il virus dell’HIV.

Infatti, il gene che produce la fluorescenza, proveniente da una medusa, non è l’unica caratteristica innovativa dei gattini: essi sono inoltre portatori di un gene anti-FIV, cioè specifico contro l’equivalente a quattro zampe dell’HIV. I ricercatori si aspettano quindi di riuscire ad osservare l’attività dei nuovi geni quando il virus colpirà alcuni organi, geni che saranno evidenziati, appunto, dalla fluorescenza.

I ricercatori hanno spiegato che, dal momento che i felini condividono il 90% del genoma umano, condividono con noi un ricco repertorio di malattie per le quali i meccanismi di difesa possono essere gli stessi.

I tre gattini, desiderio irrealizzabile dei bambini di tutto il mondo, vivranno una vita normalissima, conferma il leader della squadra di ricerca, Eric Poeschla, che auspica inoltre un duplice risultato da questa ricerca: da una parte il riuscire a comprendere come combattere il virus dell’HIV nell’uomo, dall’altra la formazione di una progenie di gatti immuni al virus.

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su