Come sopravvivere a scuola Reviewed by Momizat on .   Come concentrarsi meglio… Prima di tutto, come di certo saprete, la capacità di concentrazione del nostro cervello è limitata e per questo motivo è inutile co   Come concentrarsi meglio… Prima di tutto, come di certo saprete, la capacità di concentrazione del nostro cervello è limitata e per questo motivo è inutile co Rating:
Home » Articoli Vari » Come sopravvivere a scuola

Come sopravvivere a scuola

 

Come concentrarsi meglio…

Prima di tutto, come di certo saprete, la capacità di concentrazione del nostro cervello è limitata e per questo motivo è inutile continuare a studiare quando il cervello non recepisce più. In base a numerosi esperimenti si è constatato che la massima concentrazione si verifica tra 20 e i 40 minuti dall’inizio dello studio, il che significa che non conviene mettersi a studiare per meno di 20 minuti e che bisogna interrompere dopo 40. Dopo 40 minuti di studio, si deve fare una breve pausa che serve a fissare in mente le cose studiate (perchè il riposo stimola la memoria) e a riportare la concentrazione al livello più alto. Il riposo deve durare 10 minuti e deve essere assolutamente uno stacco totale da ciò che stavate facendo. Esempio: se stavate studiando storia non mettetevi a cercare vecchi appunti durante la piccola pausa, sennò il vostro cervello non staccherebbe.

L’ascolto nelle lezioni…

Ecco una cosa fondamentale. Lo studio inizia in classe. Non  a casa.Per questo motivo è utile partecipare alle lezioni ascoltando e intervenendo e chiedendo se c’è qualcosa che non si capisce. Ascoltare serve sempre. Sia nella correzione dei compiti, sia nelle eventuali interrogazioni dei compagni, e soprattutto nella spiegazione dei nuovi argomenti.Durante la spiegazione è consigliabile prendere appunti per fissare nella mente informazioni e concetti, garantire la concentrazione, verificare subito se avete capito e trascrivere quello che non è scritto sul libro e che sennò verrebbe dimenticato.Gli appunti si prendono ovviamente tramite parole chiave, frecce, sottolineature, suddivisioni schematiche con lettere e numeri, abbreviando nomi ricorrenti ecc. Ma la cosa più importante è non lasciare che passi troppo tempo prima di riordinare e rileggere gli appunti scritti.

Programmare lo studio…

Appena tornati a casa,dopo aver mangiato concedetevi mezz’ora di riposo per favorire la digestione.Per studiare isolatevi dal resto della famiglia o dagli amici, da computer e cellulari in modo che niente e nessuno metta alla prova la vostra concentrazione, e sedetevi alla scrivania o comunque appoggiatevi a un tavolo. Non state sdraiati sul letto, sul divano o raggomitolati in poltrona: queste posizioni favoriscono il rilassamento e penalizzano la concentrazione.Evitate di dovervi alzare. Raggruppate sul tavolo tutto il materiale che vi occorre di studiare, sempre per la questione concentrazione.

Non cominciate dai compiti per il giorno dopo, ma dalle materie svolte durante la mattinata. E’ dimostrato che nel giro di 24 ore si dimentica circa il 75% di quanto ascoltato o letto. Quindi rimettete e posto gli appunti presi e rileggeteli , studiate i capitoli che i prof vi hanno assegnato sui libri e fate i compiti scritti assegnati durante la mattinata. Facendo ciò concluderete la prima fase di preparazione alle materie studiate nella mattinata. Dovrete riprendere in mano lo studio già eseguito solo alla vigilia della lezione.

Altri consigli utili sono quelli di fare i compiti scritti dopo aver letto le regole o aver studiato l’argomento e, per studiare di non leggere ad alta voce, ma leggere prima tutto, per avere una visione precisa di ciò che si studia e poi ripetetelo (quello sì, ad alta voce) più volte finchè non entra in testa e viene compreso.

 

Tema, interrogazione, compito in classe, ricerche…pochi consigli generali 

Per il tema i consigli sono:

– Leggete molto sia romanzi che riviste serie. Chi non legge non riuscirà mai a scrivere bene.

– Cercate sul dizionario le parole che non sapete. Così ne imparate di nuove.

– Arricchite il vostro lessico con sinonimi, per evitare le ripetizioni e rendere scorrevole e piacevole il tema (Se possibile munitevi di dizionario dei sinonimi e dei contrari).

– Se dovete fare un riassunto elencate i punti basi e utilizzate l’elenco per scrivere il testo in forma ridotta.

 

Ricerche:

– Mettetevi per tempo a cercare il materiale che vi serve

– Servitevi anche delle biblioteche oltre a internet.

 

Interrogazione:

– Fatevi domande sull’argomento studiato

– Ripetete l’argomento ad alta voce dicendo tutto, ma proprio tutto ciò che ricordate

– State al passo con studio e compiti. I buchi sono faticosi da riempire… (…)…

 

Compito in classe:

– Tenere d’occhio il tempo

– State calmi

– Fatelo con cura fin dall’inizio, non pensate “lo aggiusto e completo dopo”…

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (3 votes cast)

Come sopravvivere a scuola, 5.0 out of 5 based on 3 ratings

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su