Da Halloween alla festa di Ognissanti… tradizioni a confronto Reviewed by Momizat on . La festa di Halloween, in Italia, viene fatta precedere a quella di tutti i Santi e per quanto siano due ricorrenze assolutamente diverse, cadono con un certo p La festa di Halloween, in Italia, viene fatta precedere a quella di tutti i Santi e per quanto siano due ricorrenze assolutamente diverse, cadono con un certo p Rating:
Home » Articoli Vari » Da Halloween alla festa di Ognissanti… tradizioni a confronto

Da Halloween alla festa di Ognissanti… tradizioni a confronto

La festa di Halloween, in Italia, viene fatta precedere a quella di tutti i Santi e per quanto siano due ricorrenze assolutamente diverse, cadono con un certo parallelismo a distanza di un giorno. Gioia e preghiera, baldoria e venerazione, scherzi e silenzio in due momenti che si susseguono quasi  indistintamente sono in grado di far provare emozioni e sensazioni diverse, in pochi attimi di tempo. La tradizione dei “mostri” nasce in America, dove, visioni sintomaticamente “sinistre”  vengono rappresentate con  esseri irreali , zucche, vampiri e streghe, che compaiono all’ordine del giorno, quando inizia ad avvicinarsi Ottobre e le strade di ogni città, vengono infestate da travestimenti , scherzi di ogni tipo, o, se la bontà popolare lo preferisce, da abbondanti  leccornie golose. Quest’anno però, la folcloristica tradizione, non sarà celebrata negli States, per via dei disagi provocati dall’uragano Sandy che si è abbattuto tragicamente sugli Usa, ma a colmare il fantomatico vuoto, ci pensa l’Italia che, di maschere e travestimenti ne ha da vendere, dato che ormai, è da tempo che il passaparola della gioia americana si è impossessato della nostra volontà. E allora cosa aspettare? Bando alle chiacchiere e largo ai costumi, affinché la festa.. ehm lo “spavento” abbia inizio, coinvolgendo in un’unica serata il puro divertimento della cultura celtica e anglosassone. Dalle risate smisurate, si passa poi a una festa religiosa, quella di Ognissanti che viene celebrata il 1° Novembre di tutti gli anni, ricordando la gloria e l’onore di tutti i Santi, seguita poi dal 2 Novembre con la Commemorazione dei Defunti. Quest’anno, sarà un ponte lungo, visto che, la festività di preghiera, cadrà di giovedì e sarà possibile, per chi rimane nei propri comuni di residenza, come  Prato, una città della Toscana settentrionale, avvicinarsi all’arte e ai luoghi di cultura e saranno aperti, con orario festivo, il Castello dell’Imperatore e la mostra di sculture Donne a Confronto, oltre che, nello Spazio Mostre Valentini e nelle Sale della Provincia  si celebreranno i  170 anni del Concerto Cittadino Edoardo Chiti, con mostre di foto, spartiti, documenti e strumenti musicali. Insomma passando dalla folle pazzia mascherata, alla preghiera cristiana, non ci sarà un così grande stacco di umore, perché il divertimento, per chi è interessato ai luoghi di culto, è allo stesso modo assicurato!!

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su