L’Argentina delle meraviglie – quarta puntata – Bariloche e la Regione dei Laghi Reviewed by Momizat on . Se ancora non ne avete abbastanza delle meraviglie argentine e se siete amanti di alpinismo, sci, escursionismo, pesca o semplicemente volete godere di un clima Se ancora non ne avete abbastanza delle meraviglie argentine e se siete amanti di alpinismo, sci, escursionismo, pesca o semplicemente volete godere di un clima Rating:
Home » Articoli Vari » L’Argentina delle meraviglie – quarta puntata – Bariloche e la Regione dei Laghi

L’Argentina delle meraviglie – quarta puntata – Bariloche e la Regione dei Laghi

Questo è l’articolo 4 di 8 articoli dell’inserto Argentina

Se ancora non ne avete abbastanza delle meraviglie argentine e se siete amanti di alpinismo, sci, escursionismo, pesca o semplicemente volete godere di un clima fresco e panorami da cartolina, la Regione dei Laghi incontrerà di certo il vostro favore. Meta ogni anno di migliaia di visitatori, questa Regione vanta alcuni tra i paesaggi più spettacolari dell’Argentina, dai siti paleontologici di Neuquèn, agli ampi parchi nazionali, dagli innumerevoli laghi agli imponenti vulcani. Anche se moltissime agenzie di viaggio organizzano escursioni in giornata lungo la mitica “Ruta de los siete lagos”, (via dei sette laghi), lunga 110km, l’ideale se avete tempo e spirito di avventura, è di percorrerla con calma, magari su due ruote se siete abbastanza allenati, e comunque trattenendosi anche un paio di giorni in ogni sito di interesse, per godere al meglio degli incantevoli paesaggi che potrete ammirare durante il tragitto. Lungo la RN 234 (Ruta Nacional 234, questo il nome “tecnico” della strada), partendo da San Martìn de los Andes, incontrerete per primo il Lago Machònico, dalle splendide acque blu;

proseguendo per 5km vi troverete davanti il Lago Hermoso e ancora il Lago Villarino e il Lago Falkner. Qualche chilometro ancora e la strada arriva al Lago Escondido, poi al Lago Traful e al Lago Espejo Chico. Completano il percorso il Lago Espejo Grande e il Lago Correntoso. Lungo tutta la TN234 potrete trovare rifugi, aree attrezzate per il campeggio e hosterie, quindi non dovrebbe essere difficile trovare una sistemazione per la notte a prezzi abbordabili, soprattutto se non viaggiate in altissima stagione.

Ad abitare la Regione dei Laghi ci sono tra i 300.000 e i 500.000 (le stime differiscono tra quelle del censimento ufficiale e quelle fornite dal popolo stesso) mapuche, popolo originario del Cile, che iniziò nel XVI secolo la sua lenta migrazione verso l’Argentina. Trai mapuche non esiste un governo centrale e l’organizzazione sociale è basata sulla direzione di un lonko (capo); vivono in umili insediamenti rurali ai margini di alcune cittadine della regione e parlano il mapudungun.

Un viaggio che si rispetti nella Regione dei Laghi argentina, non può non includere una visita alla magnifica San Carlos de Bariloche, da tutti chiamata semplicemente Bariloche. La città, di poco più di 100.000 abitanti, sorge sulle sponde del Lago Nahuel Huapi, nel cuore dell’omonimo parco nazionale, ed è circondata da alte montagne che superano i 2000 metri e regalano suggestivi scorci praticamente in ogni direzione. Le abbondantissime precipitazioni nevose fanno di Bariloche una meta di straordinario interesse per gli sport invernali, un vero paradiso per gli appassionati di sci e snowboard; nel periodo primaverile ed estivo invece, agli sciatori subentrano gli appassionati di arrampicate sportive, trekking, pesca, e di escursioni a cavallo e in mountain bike.

Come accennato, la città è anche la principale porta d’accesso per il Parque Nacional Nahuel Huapi, tra i più visitati dell’Argentina, che occupa 75.000 ettari di terreno; il Lago Nahuel Huapi è l’attrattiva numero uno del parco, uno specchio d’acqua di origine glaciale lungo oltre 100km e che si estente per 500 kmq. Ad ovest, una catena montuosa separa l’Argentina dal Cile con il monte Tronador alto circa 3554, che è in realtà un vulcano spento che d’inverno fa rimbombare tutte le zone circostanti, quando blocchi di ghiaccio precipitano con fragore dai suoi ghiacciai.

 

Ultima informazione,che i più golosi non si lasceranno sfuggire: Bariloche è la capitale argentina della cioccolata e in centro vi sono decine di negozi, dalle catene nazionali alle botteghe a conduzione familiare, che ne vendono di tutti i tipi!

 

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su