Ecco la mappa delle province che dovrebbero sparire Reviewed by Momizat on . Segnaliamo le province che sono in procinto di sparire in base alle nuove disposizioni che il governo ha varato per tagliare la spesa pubblica. Sono scritte nor Segnaliamo le province che sono in procinto di sparire in base alle nuove disposizioni che il governo ha varato per tagliare la spesa pubblica. Sono scritte nor Rating:
Home » Cronaca » Politica » Ecco la mappa delle province che dovrebbero sparire

Ecco la mappa delle province che dovrebbero sparire

Segnaliamo le province che sono in procinto di sparire in base alle nuove disposizioni che il governo ha varato per tagliare la spesa pubblica. Sono scritte normalmente le province che resteranno, sono sbarrate quelle che spariranno.

Resteranno in vita le province con più di 350 mila abitanti, 3 mila kmq di estensione e 50 comuni. Non è ancora chiaro se devono essere soddisfatti tutti e tre i requisiti o solamente due su tre. Pertanto la situazione non è ancora chiara al 100%. Dovrebbero sopravvivere anche le province che ospitano la città capoluogo di regione (Trieste, Venezia, ecc…) anche se non soddisfano i criteri. Da ricordare inoltre che le province dei Comuni più popolosi (Roma, Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli, Reggio Calabria) cambieranno il nome da Provincia ad Area Metropolitana. Da questi tagli si dovrebbero risparmiare più di 7 miliardi di euro.

Anomala è la situazione della Calabria, con la Provincia di Catanzaro (capoluogo di regione) a un passo dalla soppressione in favore della futura città metropolitana, Reggio Calabria, che sarà trasformata con un’apposita legge. In riva allo Stretto, infatti, gli abitanti sono 190mila e arrivano a 600mila con l’intera provincia. Infine La Spezia, 95mila abitanti: salvata perché, stretta tra Genova e la Toscana, risulterebbe difficile da accorpare all’una o all’altra parte.

Valle d’Aosta: Aosta

Piemonte: Verbania, Vercelli, Biella, Novara, Torino, Asti, Alessandria, Cuneo.

Liguria: Imperia, Savona, Genova, La Spezia.

Lombardia: Varese, Como, Lecco, Sondrio, Bergamo, Milano, Pavia, Lodi, Cremona, Brescia, Mantova, Monza.

Veneto: Rovigo, Verona, Padova, Vicenza, Venezia, Belluno, Treviso.

Trentino- A/A: Bolzano, Trento

Friuli V.G.: Udine, Trieste, Pordenone, Gorizia.

Emilia-Romagna: Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Ferrara, Ravenna, Rimini, Forlì.

Toscana: Firenze, Prato, Livorno, Pisa, Grosseto, Siena, Arezzo, Lucca, Pistoia, Massa.

Umbria: Perugia, Terni

Marche: Fermo, Pesaro, Ancona, Macerata, Ascoli Piceno.

Lazio: Roma, Viterbo, Rieti, Frosinone, Latina

Abruzzo: L’Aquila, Teramo, Pescara, Chieti

Molise: Isernia, Campobasso

Campania: Napoli,Avellino, Caserta, Salerno, Benevento.

Puglia: Barletta, Bari, Foggia, Taranto, Lecce, Brindisi.

Basilicata: Potenza, Matera

Calabria: Cosenza, Vibo Valentia, Reggio Calabria, Crotone, Catanzaro.  (Catanzaro sarebbe l’unica città capoluogo di regione la cui provincia è destinata a sparire)

Sicilia: Palermo, Enna, Catania, Caltanissetta, Siracusa, Messina, Ragusa, Trapani, Agrigento.

Sardegna: Cagliari, Carbonia Iglesias, Nuoro, Medio Campidano, Oristano, Olbia, Sassari, Ogliastra.

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 3.2/5 (6 votes cast)

Ecco la mappa delle province che dovrebbero sparire, 3.2 out of 5 based on 6 ratings

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su