Spread,Borsa e il caso Littizzetto:inizia l’effetto domino Reviewed by Momizat on . Come volevasi dimostrare, i mercati hanno reagito all’annuncio della candidatura di Silvio Berlusconi e alle dimissioni di Mario Monti. E lo hanno fatto nei peg Come volevasi dimostrare, i mercati hanno reagito all’annuncio della candidatura di Silvio Berlusconi e alle dimissioni di Mario Monti. E lo hanno fatto nei peg Rating:
Home » Cronaca » Spread,Borsa e il caso Littizzetto:inizia l’effetto domino

Spread,Borsa e il caso Littizzetto:inizia l’effetto domino

Come volevasi dimostrare, i mercati hanno reagito all’annuncio della candidatura di Silvio Berlusconi e alle dimissioni di Mario Monti. E lo hanno fatto nei peggiori dei modi. Questa mattina Piazza Affari ha registrato un – 3,5% e molti titoli bancari sono caduti in picchiata, tanto da essere sospesi. Conseguenza di tutto ciò è che la Borsa di Milano risulta essere la peggiore d’Europa e la situazione non sembra essere intenzionata a migliorare.  Giornata nera anche per lo spread. Dopo aver  toccato quota 363 (il livello più alto dal 9 novembre 2012), attualmente si attesta sui 357 punti base. E pensare che esattamente una settimana fa lo spread era sceso sotto i 300 punti, tanto da spingere Monti ad annunciare l’intenzione di raggiungere quota 287.

La dichiarazioni del duo Berlusconi-Monti  hanno destato stupore e perplessità nell’UE. Alcune fonti europee fanno sapere che “l’importante è che venga approvata la legge di stabilità e, da quanto assicurato finora, questo sarà fatto”. Maggiormente preoccupata è apparsa la Spagna, timorosa di un possibile “contagio immediato” sul Paese iberico. “Quando sorgono dubbi sulla stabilità di un paese vicino come l’Italia, a sua volta percepito come vulnerabile, ci contagiano subito”, ha detto il Ministro dell’Economia Louis de Guindos in un intervento alla radio spagnola Rne. Dalla Germania,invece,il portavoce di Angela Merkel fa sapere che il governo tedesco non commenta la politica interna degli altri Paesi, ma che la cancelliera “ha sempre lavorato bene” con Mario Monti “e ha un rapporto di stima” con lui. Diversa è stata la reazione della Gran Bretagna: i commenti sul nuovo scenario politico italiano non sono mancati e  lasciano trasparire il tipico humor inglese,adottato per l’occasione dalla stampa britannica. Il Financial Times sottolinea che in Italia “riprende il servizio normale”e che ” dopo un anno di relativa stabilità e dopo essersi riguadagnato la fiducia dei mercati, il paese sprofonda di nuovo nel caos politico con la figura di Silvio Berlusconi, che si prepara ad un’altra campagna elettorale”.

In Italia, intanto, esplode il caso Littizzetto.Sotto accusa sono finite alcune sue dchiarazioni. In particolare,è finito sotto i riflettori il suo monologo, che chiude abitualmente la trasmissione domenicale di Fabio Fazio, Che tempo che fa,e che è stato incentrato sulla notizia del momento:il ritorno del Cavaliere. La comica piemontese non le ha di certo mandate a dire. Senza peli sulla lingua ha dato voce ai pensieri di molti italiani. “E’ tornato Berlu (… )lui è fatto così,quando il Paese si sta riprendendo,lui deve intervenire. E’ più forte di lui”-ha esordito la Littizzetto-“Ma lo capite che non ne possiamo più?Che ci siamo rotti le balle?(…)Non è antipolitica,ma adesso torna Berlu e sale lo spread. Io non dico un pudore,che è un sentimento antico,ma una pragmatica sensazione di avere rotto il c….”. E’ stata proprio quest’ultima frase a far indignare i vertici Rai. Antonio Verro, consigliere di amministrazione Rai in quota Pdl, è furioso: “Considero più che legittima la satira, inclusa quella politica. Ma l’insulto no, non è tollerabile. Ciò che ha detto Luciana Littizzetto su Berlusconi, mi chiedo, è satira o è politica?”.

Ovviamente una frase di questo calibro non poteva certo passare inosservata. Ma perché scandalizzarsi tanto? Se non ci siamo scandalizzati davanti alle “magagne” dei politici,perché dovremmo farlo ora? La satira è così,prendere o lasciare. E su,una risata non hai mai “ucciso” nessuno … per il momento.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su