La Resistenza nelle opere di Renato Guttuso Reviewed by Momizat on . “Got mit Uns” una struggente testimonianza artistica della lotta partigiana “Got mit Uns” è una serie di disegni e acquerelli che vennero pubblicati in un libro “Got mit Uns” una struggente testimonianza artistica della lotta partigiana “Got mit Uns” è una serie di disegni e acquerelli che vennero pubblicati in un libro Rating:
Home » Cultura » Arte » La Resistenza nelle opere di Renato Guttuso

La Resistenza nelle opere di Renato Guttuso

“Got mit Uns”
una struggente testimonianza artistica della lotta partigiana

“Got mit Uns” è una serie di disegni e acquerelli che vennero pubblicati in un libro del Saggiatore con grande successo nel 1944.
“Got mit Uns” significa, in tedesco, “Dio è con noi” ed era la scritta incisa sulla fibbia d’acciaio dei soldati nazisti e delle SS. Migliaia di combattenti della libertà in tutta Europa, poterono leggerla pochi istanti prima di essere ammazzati.
I disegni del ciclo sono una potente epopea della lotta partigiana e simboleggiano la militanza e l’impegno ideologico e politico dello stesso Guttuso che intese la Resistenza non soltanto come ribellione contro la dittatura, ma soprattutto come strenua opposizione a tutto ciò che impedisce all’uomo di avere la propria libertà d’espressione.
Renato Guttuso nasce il 26 Dicembre 1911 a Bagheria e dalla sua terra prenderà i colori puri e potenti, il tratto forte e deciso. L’amico Mazzacurati lo soprannomina scherzosamente “Sfrenato Guttuso” e frequenta l’ambiente artistico romano di tendenza ‘antinovecentista': Alberto Ziveri, Antonietta Raphael e Mario Mafai, Marino Mazzacurati, Pericle Fazzini, Corrado Cagli, Toti Scialoja, e si tiene anche in contatto col gruppo milanese di Treccani, Giacomo Manzù, Aligi Sassu. Stringe amicizia con Antonello Trombadori, giovane critico d’arte figlio del pittore Francesco Trombadori, e inizia un sodalizio intellettuale e politico che lo accompagnerà per tutta la vita. Renato Guttuso uno dei portavoce più importanti della generazione di artisti che hanno un particolare disprezzo per la politica ed il regime fascista anche prima della guerra.
Il suo spirito antifascista si esprime anche nelle opere successive come nel 1972 con la grande tela: “i funerali di Togliatti”.
I suoi lavori in “Got mit uns” ci trasmettono un senso di inquietudine, di paura per un mondo violento e privo di umanità. Una furia selvaggia che ci lascia sgomenti. Una testimonianza visiva che potrà farci riflettere sul 25 aprile e quello che rappresenta per il nostro paese.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 3.2/5 (6 votes cast)

La Resistenza nelle opere di Renato Guttuso, 3.2 out of 5 based on 6 ratings

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su