“Viva l’Italia” e il diritto alla verità Reviewed by Momizat on . Quel che non si nega è pura verità. E la verità è un diritto che non deve essere negato a nessun cittadino, italiano o straniero. Viva l'Italia, un film di Mass Quel che non si nega è pura verità. E la verità è un diritto che non deve essere negato a nessun cittadino, italiano o straniero. Viva l'Italia, un film di Mass Rating:
Home » Cultura » Cinema » “Viva l’Italia” e il diritto alla verità

“Viva l’Italia” e il diritto alla verità

Quel che non si nega è pura verità. E la verità è un diritto che non deve essere negato a nessun cittadino, italiano o straniero.

Viva l’Italia, un film di Massimiliano Bruno, è un film di denuncia, un film che vuol fare emergere le verità, un film creato a soli fini di riflessione civile e politica. Ambientato nella Roma di oggi, il film parla della famiglia Spagnolo, il cui capofamiglia Michele è da sempre stato impegnato in politica e, con essa, è riuscito a sistemare tutti i suoi tre figli.

C’è Valerio l’imprenditore (Alessandro Gassman), Riccardo il medico (Raul Bova) e Susanna (Ambra Angioini) l’attrice. Tutti e tre hanno rappresentato le fondamenta per la politica del padre: una politica dal programma elettorale che non transige sul valore della famiglia, il lavoro e la salute. Tutti hanno avuto a che fare, all’interno della loro professione, con lo zampillo del padre. E proprio quando sarà Michele ad impazzire e a “fingere” di non essere più lo stesso, tutti avranno, chi più chi meno, problemi sul lavoro. Michele cambierà e nonostante questo non si riesca a cogliere sin da subito, egli aiuterà i figli ad essere solo più onesti con loro stessi. Il suo ruolo di onorevole lo porterà in una nota trasmissione a raccontare anche le verità della politica italiana, fatta di mafia e di raccomandati,  di ricchi, potenti e di gente senza un pizzico di onestà. 

Cosa accadrebbe oggi se un solo onorevole si risvegliasse e denunciasse tutto quello che sa e tutto quello che lui stesso ha fatto? Non comincerebbero forse ambiti come la Sanità, la Cultura, l’Imprenditoria (rappresentati da tutti i tre figli) a rinascere? A rimettere in piedi l’Italia? 

Il film, scorrevole anche se abbastanza lungo, è in definitiva costruito meravigliosamente. A mantenere il filo conduttore della storia sarà un conduttore di un programma televisivo, lo stesso in cui Michele Spagnolo salirà a parlare e a tenere il suo discorso più importante. Ottime le scelte musicali: Mannarino, Caparezza ed altri che, in linea con quanto raccontato nel film, denunciano allo stesso modo l’Italia marcia, l’italia da risanare.

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su