Feste Decennali a Sabbio Chiese (BS) Reviewed by Momizat on . Sono state riaperte martedì sera le porte della maestosa Rocca di Sabbio Chiese in occasione dell'inaugurazione ufficiale di due mostre organizzate in vista del Sono state riaperte martedì sera le porte della maestosa Rocca di Sabbio Chiese in occasione dell'inaugurazione ufficiale di due mostre organizzate in vista del Rating:
Home » Cultura » Arte » Feste Decennali a Sabbio Chiese (BS)

Feste Decennali a Sabbio Chiese (BS)

Sono state riaperte martedì sera le porte della maestosa Rocca di Sabbio Chiese in occasione dell’inaugurazione ufficiale di due mostre organizzate in vista delle Feste Decennali che prenderanno il via proprio sabato prossimo.

Sabbio Chiese è un piccolo paese in Valsabbia, una zona in provincia di Brescia di cui si può conoscere di più cliccando semplicemente sul sito

http://valsabbiatour.blogspot.it/.

Quest’anno, dopo 10 anni (da qui il nome di “Decennali”), la Madonnina verrà trasportata dalla Rocca del paese fino alla parrocchia: questa tradizione risale al lontano 1645 quando, la leggenda vuole, che un dipinto raffigurante la Madonna si fosse spostato da una cappella sita a Odolo, un paesino vicino, a Sabbio, appunto. Rivendicata dagli Odolesi e riportata nel luogo dove si trovava, l’indomani sarebbe riapparsa sull’altura dove oggi sorge la magica Rocca.

Da quell’anno, ogni dieci anni, puntualmente, si ripete la festa imbandendo il paese di addobbi e splendidi fiori ricavati da carta e stoffe.

Uno spettacolo veramente unico e incredibile di cui Sabbio Chiese può avere vanto.

Così, martedì, dopo il saluto delle autorità presenti e alcuni discorsi d’apertura per sottolineare l’importanza del fatto che un piccolo centro valsabbino ospiti opere di un certo livello e prestigio a portata nazionale e non solo, il taglio del nastro ha sancito l’inizio delle celebrazioni.

Abbracciati dalle pareti di una Rocca completamente ristrutturata, arrampicandosi per le piccole scalette del santuario, si arriva ad una prima sala che ospita la mostra dal titolo “Dei monti e dei laghi. Il paesaggio lombardo nella pittura dell’Ottocento, da Piccio a Segantini”, capace, attraverso un percorso tra dipinti di artisti locali e no, di farci scoprire suggestivi scorci e paesaggi magari mai notati ma comunque vicini a noi: dal Lago d’Idro e la sua splendida Rocca d’Anfo, al Sebino, all’ancora più vicino Lago di Garda.

Proseguendo la visita, si giunge poi al piano inferiore, dove, in una piccola stanzetta, vetrinette in legno accolgono volumi e piccoli libri stampati proprio da tipografi esperti nati a Sabbio Chiese per poi trasferirsi altrove e diffondere questa loro arte; il titolo della mostra è proprio “Gli stampatori da Sabbio alla conquista del mondo. Uomini, idee e tecniche tra Cinque e Seicento” ed è molto interessante per il tema, un pò insolito, che viene proposto.

E’ strano immaginare che una realtà come quella della mia Valsabbia dove, i magli prima e le fabbriche poi, occupavano il più dei nostri paesaggi, fosse patria di stampatori eccellenti, conosciuti da Venezia a Cremona, da Milano fino ad oltre il confine.

Entrambe le mostre sono visitabili fino al 28 ottobre; a partire da sabato, per la settimana delle Feste Decennali, l’orario d’apertura subirà una modifica e sarà esteso dalle 9 di mattina fino alle 23 con ingresso speciale a solo 1 euro.

Per info e prenotazioni : Biblioteca Civica 0365/85375

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su