Cinquant’anni dal Concilio Vaticano II, una fede più solida? Reviewed by Momizat on . Se dovessimo in questo preciso momento storico ricercare i titoli dei libri più venduti negli ultimi 50 anni il primo risultato utile risalterebbe ai nostri occ Se dovessimo in questo preciso momento storico ricercare i titoli dei libri più venduti negli ultimi 50 anni il primo risultato utile risalterebbe ai nostri occ Rating:
Home » Cultura » Letteratura » Libri » Cinquant’anni dal Concilio Vaticano II, una fede più solida?

Cinquant’anni dal Concilio Vaticano II, una fede più solida?

Se dovessimo in questo preciso momento storico ricercare i titoli dei libri più venduti negli ultimi 50 anni il primo risultato utile risalterebbe ai nostri occhi. Prima di qualsiasi romanzo, testo poetico, raccolta di racconti o qualsiasi altro genere letterario noteremmo come,fra i libri più venduti al mondo, nell’ultimo mezzo secolo ci sia proprio la Bibbia.

Nè una scoperta nè una sorpresa. Un risultato del genere spiazzerebbe qualunque lettore ma lo riporterebbe sicuramente al presente nell’attimo immediatamente successivo facendolo riflettere sulla verità dei dati. E la verità risiede proprio in una serie di circostanze a cui oggi diamo poco risalto ma che, al contrario, andrebbero invece studiate, valutate caso per caso.

Quando si fa riferimento ai principi fondamentali che hanno portato un libro ad avere un enorme successo (cioè quando si studiano i fenomeni della circolazione librariaria), uno dei punti su cui si invita il lettore a riflettere è la contingenza storica in cui il testo è stato prodotto. E bene si: la Bibbia risulta essere il libro più venduto degli ultimi 50 anni a causa dell’ultimo avvenimento epocale che ha dato, alla Santa Romana Ecclesia, un svolta incisiva.

Esattamente mezzo secolo fa infatti, prima con Papa Giovanni Paolo XXIII° e successivamente con Papa Paolo VI°, fu aperto nel 1962 il Concilio Vaticano II, una riunione cioè di tutti i vescovi del mondo per discutere su argomenti riguardanti la vita della Chiesa Cattolica.

Fondamentali furono alcuni cambiamenti che rivoluzionarono il metodo di fruizione della parola di Dio. Furono girati gli altari, permettendo al celebrante il diretto contatto col pubblico di fedeli, e furono traslate interamente le Sante Messe dal latino all’italiano.

Molti furono i cambiamenti e molte le novità. Fra queste, l’abbiamo già annunciato, il libero accesso alla lettura ed interpretazione delle Sacre Scritture , sino ad allora concesso solo alle autorità gerarchiche ecclesiastiche. Quale famiglia italiana infatti, di religione cattolica, non possiede in casa una Bibbia pur non avendo la mai letta? La stragrande maggioranza ne possiede almeno una ma il più delle volte non la legge, non la consulta. Tuttavia i gradi avvenimenti della storia continuano a riscuotere successo, la religione viene ancora praticata ma la domanda che ci viene in mente in questo momento è: il Concilio Vaticano II° ha per davvero agevolato la diffusione della parola di Dio in maniera attiva o, al contrario, l’ha indebolita?

Tutta la produzione mass mediatica in questi giorni ne parla, ne discute, ne sottolinea i festeggiamenti per i cinquant’anni di successo. Ma sono per davvero di successo o i Cattolici oggi hanno ancora bisogno di una guida più forte? Più vicina, più lontana dagli scandali? Ai posteri l’ardua sentenza.

20121012-084249.jpg

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su