Diciottenni e banche: come iniziare Reviewed by Momizat on . Quella di pagare attraverso carta di credito ed avere un conto personale è un’abitudine ed una necessità sempre più comune anche tra i giovani, i quali sia che Quella di pagare attraverso carta di credito ed avere un conto personale è un’abitudine ed una necessità sempre più comune anche tra i giovani, i quali sia che Rating:
Home » Articoli Vari » Diciottenni e banche: come iniziare

Diciottenni e banche: come iniziare

Quella di pagare attraverso carta di credito ed avere un conto personale è un’abitudine ed una necessità sempre più comune anche tra i giovani, i quali sia che continuino il proprio periodo di studi iscrivendosi all’università sia che inizino a lavorare avranno bisogno di gestire le proprie finanze. Ma quali sono le offerte più vantaggiose? Nelle seguenti righe saranno prese in esame le proposte dedicate ai giovani di tre tra le principali banche italiane.

Si parte da Unicredit, che offre un’ottima copertura di agenzie su tutto il territorio nazionale, posizionandosi al primo posto. Questa propone un conto “Super Genius” indirizzato ai minori di 30 anni con un canone mensile di 6€, inclusa una carta Bancomat, le varie spese dei servizi allo sportello o attraverso altri canali e il servizio di banca online. Un po’ più limitata ma sicuramente comoda è invece la Genius Card, studiata con l’ausilio delle università. Questa offre al costo mensile di 3€ (gratis per tutti coloro che hanno meno di 27 anni), la possibilità di avere una carta prepagata con cui fare bonifici e pagare con carta di credito (aderisce al circuito Master Card). Si possono quindi pagare spese universitarie, ricariche e bollo auto/moto senza avere un conto corrente e le relative spese. La banca ha inoltre una propria applicazione mobile con cui effettuare molte operazioni dal proprio smartphone.

Monte dei Paschi di Siena propone invece ai più giovani (sempre al di sotto dei 30 anni) il “Conto Italiano Per Me”, un conto corrente che ha le stesse funzioni del “Super Genius” di Unicredit, inclusa carta di debito, servizi di multicanalità e domiciliazione delle bollette. Il canone mensile è ,invece, di 3,50€, che può salire se si aggiungono al conto carte di credito o altri servizi. La carta prepagata indirizzata ai giovani è invece l’”MPS Spider”, al canone annuo di 7€, il primo anno è gratis, ma il costo di rilascio è di 10€. La carta aderisce al circuito VISA, permettendo i pagamenti tramite POS e online. Interessante è anche la carta prepagata “Krystal Best”, anche se non indirizzata ad una specifica utenza, permette di usufruire del servizio bancomat. Anche questa banca ha sviluppato una propria applicazione mobile.

Banco Popolare offre invece due differenti conti della famiglia “Let’s Bank” (per giovani tra 18 e 29 anni) indirizzati a studenti e lavoratori. Il conto per i primi è gratuito, permette di avere bancomat e operazioni illimitate, oltre alla possibilità di avere un prestito fino a 15000€. La versione per i giovani lavoratori permette di avere anche un mutuo, ma il costo è di 1,00€  al mese. Seppur non indirizzate ai giovani le carte prepagate hanno il nome di “K2” e “K2 White”, a queste si aggiunge il servizio PayPass, ovvero la possibilità di pagare senza “strisciare” la carta o inserirla nel POS per spese inferiori ai 25€.

Le proposte migliori sono probabilmente quelle delle varie carte prepagate, che permettono con costi contenuti di usufruire di molti servizi offerti dal conto corrente, seppur con limitazioni sugli importi delle ricariche e sulla quantità di capitale cumulabile.

Ci tengo a precisare che le precedenti sono brevi descrizioni (nelle pagine internet dedicate si possono visualizzare informazioni più dettagliate) delle offerte di tre tra le banche principali del territorio italiano, sono molte altre le offerte che si possono reperire in rete, ma le proposte prima citate sono sicuramente le più diffuse e apprezzate dall’utenza.

 

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su