Altri 70 anni per il petrolio Reviewed by Momizat on . Le stime più pessimistiche ne avevano previsto l'esaurimento entro la prima metà del secolo. Ora una nuova rivalutazione del sito Bloomberg.com ha spostato la d Le stime più pessimistiche ne avevano previsto l'esaurimento entro la prima metà del secolo. Ora una nuova rivalutazione del sito Bloomberg.com ha spostato la d Rating:
Home » Scienze&Tecnologie » Altri 70 anni per il petrolio

Altri 70 anni per il petrolio

Le stime più pessimistiche ne avevano previsto l’esaurimento entro la prima metà del secolo. Ora una nuova rivalutazione del sito Bloomberg.com ha spostato la data in cui si pensa che il petrolio esaurirà a circa 70 anni da oggi, se i consumi proseguiranno ai ritmi attuali.

Il petrolio altro non è che il risultato della decomposizione di materiale organico in assenza di ossigeno e in condizioni di elevate temperatura e pressione. Le prime testimonianze del suo utilizzo da parte dell’uomo si trovano nei poemi omerici: si narra di un’arma, il “fuoco greco”, realizzata con petrolio e altre resine, che non era possibile spegnere con l’acqua. In seguito il petrolio si diffuse come medicinale in tutto l’occidente e divenne un prodotto comune dei centri termali. È solo dalla fine del diciannovesimo secolo, però, che comincia ad essere conosciuto come “oro nero”. Con lo sviluppo dei trasporti motorizzati e la necessità di un carburante ad alte performance, il petrolio diventa con il tempo indispensabile e, come è il caso dei giorni nostri, per il momento insostituibile.

Il 1956 è l’anno in cui viene sollevata per la prima volta la spinosa questione dell’esaurimento del petrolio: in quell’anno, infatti, il geologo Shell King Hubbert predette che negli anni ’70 del Novecento la curva di produzione avrebbe iniziato una flessione, fino al completo esaurimento delle risorse. Le sue previsioni, rivelatesi esatte, non avevano però tenuto in considerazione che, al crescere della richiesta di greggio, sarebbero cresciute anche le tecnologie per individuare e sfruttare nuovi giacimenti. Ecco perché, nonostante un consumo annuo di 31 miliardi di barili e in crescita del 3% ogni 12 mesi, le riserve di petrolio, stimate in circa duemila miliardi di barili, basteranno per altri 60-70 anni.

Il problema riguardo alla sua sostituzione, però, è tutt’altro che concluso: non si tratta solo di riuscire a creare energia, ma anche di farlo in modo pulito. I disastri degli ultimi anni, su tutti quello della Deepwater Horizon, insegnano.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su