Milan in castigo: sei giorni di clausura Reviewed by Momizat on . A mali estremi,estremi rimedi. Sarà stata questa la filosofia adottata da Adriano Galliani,dopo l’ennesima sconfitta in campionato. A partire da ieri pomeriggio A mali estremi,estremi rimedi. Sarà stata questa la filosofia adottata da Adriano Galliani,dopo l’ennesima sconfitta in campionato. A partire da ieri pomeriggio Rating:
Home » Articoli Vari » Milan in castigo: sei giorni di clausura

Milan in castigo: sei giorni di clausura

A mali estremi,estremi rimedi. Sarà stata questa la filosofia adottata da Adriano Galliani,dopo l’ennesima sconfitta in campionato. A partire da ieri pomeriggio fino a sabato,per tutti i giocatori del Milan,infortunati compresi, è stato previsto un ritiro forzato di sei giorni. L’obiettivo è quello di preparare al meglio le due partite che attendono la squadra di Allegri nei prossimi giorni: Malaga in Champions e Genoa in campionato. Due match decisivi sia per la stagione dei rossoneri che per il futuro dell’allenatore.

I numeri parlano chiaro: 5 sconfitte in 8 partite,7 punti in classifica,9 gol fatti e 10 subiti. Una media così è solo da zona retrocessione. Basti pensare che dietro al Milan ci sono solo Palermo e Siena. Inoltre va sottolineato che, se la squadra toscana non avesse avuto i sei punti di penalizzazione, a quest’ora sarebbe una lunghezza sopra i rossoneri. Un Milan così allo sbando non lo si vedeva dal 1941. Ed è per questo motivo che Galliani ha imposto ai suoi giocatori questo ritiro punitivo.

A Milanello il ritiro non è certo una consuetudine. L’ultima volta che un allenatore rossonero vi ha fatto ricorso risale a dieci anni fa,per la precisione nel 2002,quando sulla panchina sedeva Carlo Ancelotti. Dopo la sconfitta in Coppa Italia con la Juventus,il tecnico decise di portare la squadra in ritiro anticipato, in vista della partita di campionato contro l’Udinese. La sconfitta impartita dalla squadra friuliana ai rossoneri,portò nuovamente Ancelotti a richiamare il gruppo a Milanello.

Ma servirà davvero questa misura drastica a rimettere le cose in sesto? L’a.d. rossonero difende la sua scelta:” Me ne assumo la paternità. Non so se il provvedimento serva o non serva,però almeno i giocatori avranno tempo per pensare”. Di certo servirà a far riflettere le grandi delusioni di questa stagione: Nocerino,lontana controfigura di quel giocatore che contribuì alla conquista del diciottesimo scudetto,De Jong e Boateng,decisamente più attenti alla vita extra-professionale che non alle vicende di campo. A quanto pare, il Boa starà lontano dalla sua Melissa che proprio pochi giorni fa twittava: “Manca poco e io e Kevin Prince facciamo un anno di fidanzamento”. Che dire? I festeggiamenti dovranno aspettare.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 3.7/5 (3 votes cast)

Milan in castigo: sei giorni di clausura, 3.7 out of 5 based on 3 ratings

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su