MOTOGP: vince Pedrosa l’ultima gara del mondiale 2012 Reviewed by Momizat on . Pedrosa vince il GP di Valencia davanti al collaudatore Yamaha Nakasuga (2°) e Casey Stoner (3°). Il trionfo è avvenuto al termine di una rocambolesca gara fatt Pedrosa vince il GP di Valencia davanti al collaudatore Yamaha Nakasuga (2°) e Casey Stoner (3°). Il trionfo è avvenuto al termine di una rocambolesca gara fatt Rating:
Home » Sport » MotoGP » MOTOGP: vince Pedrosa l’ultima gara del mondiale 2012

MOTOGP: vince Pedrosa l’ultima gara del mondiale 2012

Pedrosa vince il GP di Valencia davanti al collaudatore Yamaha Nakasuga (2°) e Casey Stoner (3°).
Il trionfo è avvenuto al termine di una rocambolesca gara fatta di asfalto a tratti umido, imprevedibilità delle gomme, e tanti ritiri.

 L’ultima gara del campionato di MotoGP 2012 si è svolta come di consueto sul circuito di Valencia, ma è stata l’imprevedibilità del meteo a condizionare le prestazioni dei piloti.
Si complica tutto fin dal principio, quando una scelta decisiva riguardante la mescola delle gomme da mettere in gara sconvolge la griglia di partenza: a causa dell’instabilità meteorologica molti partono con gli pneumatici da bagnato, mentre altri effettuano il cambio moto dopo il giro di ricognizione, partendo dai box, proponendo gomme slick (vedi Pedrosa, Crutchlow, Hayden).
Meriti al neo-campione del mondo Lorenzo che sceglie di partire gommato slick già dalla mattina.

 Dopo una focosa partenza che vede addirittura Espargaro con la sua CRT rimanere in testa per qualche giro, i gommati rain si trovano in piena difficoltà su una pista che sembra asciugarsi sempre di più.
Mentre rientrano ai box per effettuare il cambio moto, tutt’altra gara è quella che si presenta per chi monta gomme d’asciutto: a suon di giri veloci Lorenzo rimonta dall’ottava posizione alla prima, seguito a ruota da Dani Pedrosa, che si fa strada dal fondo della classifica fino alla seconda posizione, alle spalle del rivale.

 Viene proposta una gara che ha tutto dell’incredibile: I piloti di testa racimolano un vantaggio di oltre un minuto su quelli che militano nelle posizioni centrali, i quali vengono tutti inesorabilmente doppiati.
Tante le cadute che si alternano per tutti i 27 giri, tra le quali proprio il neo campione del mondo Lorenzo, che non riesce in un doppiaggio e perde il controllo della moto. Gli altri protagonisti dei rocamboleschi capitomboli sono stati Hayden, Silva, Rolfo, Crutchlow, Corti, Barbera e Bradl.

 A questo punto è soltanto Dani Pedrosa, solo e davanti a tutti i “sopravvissuti” alla lotta con l’asfalto, a cercare di arrivare alla fine della corsa “sano e salvo”, e ci riesce, portando a casa la settima vittoria (battendo Lorenzo che in stagione ne ha conquistate sei), e chiudendo in bellezza il campionato, nonostante il mondiale ormai perduto.
Un modesto Nakasuga, sostituto di Spies, affronta una gara del tutto discreta arrivando secondo, mentre Casey Stoner, dopo una bella rimonta, sale terzo sul podio e può festeggiare come si deve il suo addio alle corse. Da segnalare anche un bel quinto posto dell’italiano Michele Pirro, che ottiene il suo miglior piazzamento della stagione.

A partire da martedì ci sarà già profumo di 2013 ai test di Valencia: le porte dell’HRC si apriranno al nuovo talento Marc Marquez, mentre Valentino Rossi ricomincerà un’avventura in Yamaha con l’ambizione di ritrovare il successo perduto.

LE POSIZIONI ALL’ARRIVO:

1° Dani Pedrosa (Repsol Honda Team).
 2° Katsuyuki Nakasuga (Yamaha Factory Racing).
 3° Casey Stoner (Repsol Honda Team)
 4° Alvaro Bautista (San Carlo Gresini Honda).
 5° Michele Pirro (San Carlo Gresini Honda).
 6° Andrea Dovizioso (Monster Yahama Tech 3).
 7° Karel Abraham (Cardion AB Motoracing).
 8° Danilo Petrucci (Came IodaRacing Project).
 9° James Ellison (Paul Bird Motorsport).
 10° Valentino Rossi (Ducati).

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su