Benzina a 1,8 al litro? La soluzione c’è. Reviewed by Momizat on . I problemi legati ai trasporti nel Belpaese sono innumerevoli. Si passa da servizi di trasporto pubblico ormai tendenti all’anarchia a treni che scompaiono da u I problemi legati ai trasporti nel Belpaese sono innumerevoli. Si passa da servizi di trasporto pubblico ormai tendenti all’anarchia a treni che scompaiono da u Rating:
Home » Ambiente » Benzina a 1,8 al litro? La soluzione c’è.

Benzina a 1,8 al litro? La soluzione c’è.

I problemi legati ai trasporti nel Belpaese sono innumerevoli. Si passa da servizi di trasporto pubblico ormai tendenti all’anarchia a treni che scompaiono da un giorno all’altro. Ma anche per coloro che utilizzano l’automobile la situazione non è semplice. La benzina raggiunge ormai il prezzo di 1,8 €, e il diesel, che fino a qualche tempo fa sembrava l’ancora di salvezza per coloro che preferivano risparmiare, ha ormai prezzi simili alla “verde”.

Le innovazioni in campo automobilistico non mancano certo, ma spesso hanno prezzi proibitivi, passano inosservate o non garantiscono effettivi vantaggi. La nuova Opel Ampera, non ancora sul mercato, vanta consumi di tutto rispetto, essendo alimentata da un motore elettrico che le permette di fare tra i 40 e gli 80 km, mentre l’autonomia supera i 500 km se si utilizza un piccolo motore a benzina che ricarica le batterie. Un’auto sicuramente più ecologica di molte altre sul mercato, ma che parte da un prezzo di 42.000 €, sicuramente fuori portata per gran parte degli automobilisti abituati a citycar o vetture poco più grandi con costi inferiori ai 20.000 €.

Opel Ampera

Ma oltre alla sicuramente pubblicizzata Ampera ci sono altre piccole “chicche” tecnologiche degne di nota, con nomi meno blasonati se non completamente sconosciuti, ma che comunque rappresentano una valida alternativa per il futuro delle quattro ruote.
Spostandoci dal territorio tedesco al Lussemburgo troviamo una piccola vettura che ha destato l’interesse di numerose riviste ed esperti del mondo automobilistico. Parlo dell’AirPod, nome che a molti ricorderà un device della mela, ma è in realtà una piccola vettura dal design decisamente originale alimentata ad aria compressa. In questo caso i conti con l’ambiente si fanno a monte, parlando di produzione di energia elettrica, visto che con questa “MDI” il termine benzina finisce nel cassetto. Ma tutto questo rimane, purtroppo, una parziale utopia. Accanto al design contestabile (insomma, potevano ideare qualcosa di meglio che una campana del vetro mobile), la produzione ha subito numerosi ritardi, a causa dell’assenza di incentivi e di campagne denigratorie.

MDI Airpod

Insomma, sappiate che anche la vostra auto a metano ha smesso di essere il mezzo più ecologico ed economico, visto che la tecnologia offre sistemi ancora più efficienti e più vicini all’ambiente. Certo, sarà dura convincere gli amanti del rombo di un w12 a rinunciare a questo piacere, ma per loro esistono già sistemi in grado di riprodurre i rumori di un’auto tradizionali. Sistemi tra l’altro necessari per la sicurezza dei pedoni, vista la silenziosità delle neonate elettriche (Ford ha addirittura creato un sondaggio per scegliere il suono della sua Focus). I più sensibili a questa nuove tecnologie saranno probabilmente tutti coloro che utilizzano l’auto per piccoli spostamenti in città, che risentono sicuramente del rincaro dei pezzi.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 4.0/5 (1 vote cast)

Benzina a 1,8 al litro? La soluzione c’è., 4.0 out of 5 based on 1 rating

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su