Ravenna: accoltella il figlio,poi lo colpisce nuovamente con un’ascia. Reviewed by Momizat on . Un lapsus? Un attimo di rabbia talmente grande da riuscire a togliere il lume della ragione? Non si sa…. Quel che è certo è che un uomo, pensionato di 72 anni, Un lapsus? Un attimo di rabbia talmente grande da riuscire a togliere il lume della ragione? Non si sa…. Quel che è certo è che un uomo, pensionato di 72 anni, Rating: 0
Home » Cronaca » Ravenna: accoltella il figlio,poi lo colpisce nuovamente con un’ascia.

Ravenna: accoltella il figlio,poi lo colpisce nuovamente con un’ascia.

Un lapsus? Un attimo di rabbia talmente grande da riuscire a togliere il lume della ragione? Non si sa…. Quel che è certo è che un uomo, pensionato di 72 anni, nella scorsa notte ha ucciso il proprio figlio, prima a coltellate e poi infierendo con un’ascia. Il macabro delitto si è consumato a Ravenna, dove i due uomini, entrambi originari di Torre del Greco (Napoli),vivevano da tempo e risiedevano  iascian un appartamento di circa cinquanta metri quadrati, al quarto piano di una palazzina popolare di via Nigrisoli, nella prima campagna della frazione romagnola.

Nell’interrogatorio, andato avanti fino a notte inoltrata, dove erano presenti il Pm Angela Scorza e l’avvocato difensore Alessandra Marinelli, l’omicida, Giuseppe Paolino, ha ammesso di essere l’assassino del proprio figlio e il tragico fatto, in base alla ricostruzione dei fatti e alla dichiarazione dello stesso, sarebbe avvenuta per l’ennesima lite scaturita per gravi dissapori economici. Infatti il pensionato, evidentemente adirato per la situazione litigiosa che si era venuta a creare  in quel momento con il figlio Nunzio, disoccupato di 38 anni, ha preso un coltello e lo ha colpito ripetutamente, poi si è acceso una sigaretta davanti al cadavere, per poi andare a prendere un’ascia, tenuta in una stanza della casa e infierire nuovamente sul corpo straziato. Subito dopo l’orrore commesso, l’uomo ha chiamato i carabinieri e ha atteso in strada il loro arrivo consegnandosi spontaneamente. La figlia del pensionato, chiamata da lui subito dopo aver informato il 112 di ciò che aveva fatto, si è precipitata con un amico, nella casa dove era stato commesso l’omicidio ed è stata la prima a dover assistere alla rovina della sua famiglia e alla morte dell’unico fratello che aveva.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un Commento

*

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su