Home » Editoriale

Gli emigranti immigrati

Siamo un popolo di emigranti e di immigrati. E' tanto che non scrivo. Sono lontani i tempi degli editoriali graffianti e irriverenti, conditi di una sana dose di incoscienza e illusione nel futuro. Niente più critiche dai conoscenti che leggevano quegli articoli, niente più insulti anonimi o simpatici complimenti dagli amici come "sei il solito comunista di merda". Tutto questo è velocemente passato, lascia ...

Leggi tutto

A mani alzate per Michael Brown

Oggi siamo tutti Michael Brown. Era un diciottenne afroamericano ucciso con molteplici colpi di pistola da un poliziotto, perché quando sei semplicemente un  "negro" è molto più facile morire in modo stupido e ingiusto, soprattutto in America la patria dei sogni bianchi e sbiaditi, , del politicamente corretto. Michael Brown era disarmato, ma questo non è bastato perché era nero. Oggi al suo funerale la gen ...

Leggi tutto

L’olocausto dimenticato

L'olocausto dimenticato si consumò novantanove anni fa. Centinaia di migliaia di armeni, forse anche milioni, trucidati nell'assoluto silenzio. Un genocidio che non viene riconosciuto da tutti, troppo spesso  dimenticato in quanto gli armeni sono figli di nessuno per molti signori del vapore della comunità internazionale. Novantanove anni da quel triste 24 aprile 1915. Un genocidio silenzioso, impalpabile. ...

Leggi tutto

La storia dell’arte cancellata? Una bufala di un Paese alla deriva

"Siamo un Paese incivile! Hanno abolito la storia dell'arte, nel Paese dell'arte!" Questo il grido feroce che circolava ieri sui Social Network. All'improvviso tutti orgogliosi di essere italiani e di avere alle spalle una grande storia dell'arte, mentre nel frattempo, davanti ad un museo, le persone scappavano indignate avendo letto il biglietto di ingresso di "5 euri" (al plurale, perché sui social si usa ...

Leggi tutto

Cittadini di serie B

Da tanto tempo ormai non scrivevo più editoriali. Ho deciso di ricominciare oggi, perché è un giorno triste, quanto insensato e deleterio per l'intera Italia. La Sardegna è flagellata dalle tempeste, messa in ginocchio dalla natura, ma i Tg non ne parlano subito. Le notizie si spargono grazie ai sociale network. Nei tg si parla delle solite stupide cose, della politica, dei falsi proclami, della nuova vecch ...

Leggi tutto

Alla dignità dei musicisti greci

L'orchestra sinfonica nazionale della Grecia chiude. Sul web il video dell'ultimo concerto dove i musicisti sono in lacrime. Ed è in quelle lacrime, un misto di dignità e disperazione, che leggo la parola "FINE" per la grande Patria della cultura e il totale fallimento dell'Unione Europea. Chiudere un'intera orchestra significa distruggere un'importante parte della cultura di un Paese.  Forse è proprio ques ...

Leggi tutto

Il mio ultimo 25 aprile

"Una mattina mi sono alzato e ho trovato l'invasore, oh bella ciao..." Il mio ultimo 25 Aprile da residente in Italia. Ben presto emigrerò in Svizzera. Questo Paese è destinato a morire, sotto i pesi della sua non liberazione. Non esiste liberazione per gli italiani, condannati da loro stessi a morire sotto i colpi dell'ignoranza, del fascismo e della voglia di essere servi. Non esiste liberazione per quest ...

Leggi tutto

Io ho un sogno

Io ho un sogno. Quarantacinque anni dopo, questa frase, è ancora il simbolo di una società senza una meta, senza un perché. Quel sogno è rimasto ancora tale e probabilmente non si avvererà mai. Il quattro aprile di quarantacinque fa veniva ucciso Martin Luther King, pastore protestante, politico e attivista statunitense, simbolo della lotta contro la segregazione razziale negli Stati Uniti. Ucciso per le su ...

Leggi tutto

Una piccola grande conquista per le donne

Una piccola grande conquista per le donne dell'Arabia Saudita: da oggi potranno andare in bicicletta. Le zone accessibili sono ancora poche e si devono attenere ad alcune condizioni precise. Per usufruire di questo diritto devonoessere accompagnate da un parente e indossare l’abaya (la tradizionale veste nera che copre le donne dalla testa ai piedi). "Le donne sono libere di andare in bici nei parchi, sul l ...

Leggi tutto

Alea iacta est

Il dado è stato lanciato e, purtroppo, ha segnato il numero sbagliato. Berlusconi è ancora dove è sempre stato, ha comprato una considerevole fetta del Paese. I "Vaffa" di Grillo, l'unico vero vincitore di queste elezioni, hanno invece convinto milioni di italiani. Monti si è perso per le strade di montagna, insieme ai suoi alleati Fini e Casini: sono loro i veri perdenti. Ingroia, Di Pietro e De Magistris ...

Leggi tutto

Il Paese chiamato Italia

Ore 6:50, stazione Porta Nuova di Verona. Una quindicina di donne nere stanno litigando. Volano borsettaie, insulti, urla. Della polizia neanche l’ombra. È solo un caso che siano nere. Ho assistito a numerose risse tra italiani. Polizia? Dopo tanti minuti, spesso troppi. Ore 8:00 treno Brennero-Bologna, stazione S. Felice sul Panaro.  Una quindicina di pendolari con abbonamento di seconda classe si siedono ...

Leggi tutto

Conseguenze democratiche

Da quando Berlusconi ha deciso di ricandidarsi non scrivo più editoriali per ilRitaglio. Questo periodo però non nasce da un blocco psicologico, un’improvvisa mancanza di motivazioni, poco tempo a disposizione. Questo è stato un lungo periodo di riflessione. Mi sono chiesto qual è il vero scopo di questo blog. Non siamo tanti, i collaboratori non sono pagati e sono volontari. Ognuno fa quello che può per ce ...

Leggi tutto

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su