Home » Articoli diFrancesco Tegani (Pagina 14)
Francesco Tegani

Nato il 22/03/1989, ha studiato al Liceo Classico "Agli Angeli" di Verona. Dopo il diploma ha frequentato il corso di laurea triennale in Lettere (curriculum storico moderno-contemporaneo), e si è laureato con una tesi dal titolo "Venezia e la Guerra di Candia (1645-1669) speranza e ostinazione nel declino della Repubblica veneta", relatore prof. Federico Barbierato. Frequenta il corso di laurea magistrale in Scienze storiche presso l'Alma Mater Studiorum di Bologna, città dove si è trasferito per studiare. Appassionato di storia, si occupa specialmente del Novecento e delle sue sfaccettature politiche. Tra le altre cose, si interessa di politica e sport.

Numero Articoli : 212

Ici-Chiesa cattolica. Si chiede equità o discriminazione?

Da quando è stato reintrodotto il caro vecchio Ici (imposta comunale sugli immobili) dal governo Monti,anche se con il nome di Imu (Imposta municipale unica) tiene banco la questione dell'esenzione della Chiesa cattolica dal pagamento della tassa. O meglio, intere legioni di cittadini reclamano a gran voce che la Chiesa si adegui pagando l'Ici, "ponendo fine a questa ingiustizia". E' facile rendersene conto ...

Leggi tutto

Serie B: Hellas Verona nella storia, ottava vittoria consecutiva.

Il Verona di Mandorlini batte 1-0 l'Albinoleffe al Bentegodi con una rete di Thomas Pichlmann al 36' del secondo tempo. Così ha eguagliato il precedente record della serie B che apparteneva in ogni caso ai veneti: nel campionato 1998/99 il Verona di Prandelli vinse otto partite di seguito e fu promosso in serie A. Se si considera  però la vittoria in Coppa Italia con il Parma di mezzo, salgono a nove i succ ...

Leggi tutto

7 dicembre 1941. Attacco a Pearl Harbor: Gli USA davvero non sapevano? (2)

TROPPI INTERESSI? Tuttavia per alcuni storici questo attacco non fu una sorpresa. Per alcuni le intenzioni erano note, ma la colpa è degli ufficiali responsabili (in seguito destituiti), che avrebbero commesso gravi negligenze. Per altri, il Presidente Roosvelt conosceva i piani giapponesi, ma cercava il casus belli per intervenire nella guerra globale: il Giappone stava diventando una potenza troppo import ...

Leggi tutto

7 dicembre 1941. Attacco a Pearl Harbor: Gli USA davvero non sapevano? (1)

Il 7 dicembre 1941 il Giappone attaccò la base militare americana di Pearl Harbor, nelle Hawaii. Questo episodio decretò l'intervento degli Stati Uniti nel secondo conflitto mondiale al fianco della Gran Bretagna e dell'Unione Sovietica.   IDEA. Come nacque questa idea? La Marina nipponica restò folgorata dall'attacco fatto dai britannici nel porto di Taranto l'11 novembre 1940: infatti gli aerei decol ...

Leggi tutto

Ragazzo di 24 anni racconta la diretta delle notizie dal mondo. Di 72 anni fa.

Angela Merkel il 2 dicembre 2011 parla della crisi globale. Annuncia che il futuro dell'eurozona dipende dall'Italia. Ma su facebook e twitter alle 16.50 circa si annunciava: "Più di 1000 ebrei dalle città di Hrubieszow e Chelm, Polonia occupata, sono stati fatti marciare verso un campo di lavoro dalle truppe delle SS". Il 1 dicembre invece scriveva:"Mosca ha annunciato che le forze Sovietiche sono penetrat ...

Leggi tutto

La Padania esiste?

E' stato il cavallo di battaglia della Lega Nord fin dalle sue origini, e lo è ancora. Stiamo parlando del richiamo "nazionale" della Padania, quel desiderio di indipendenza delle regioni settentrionale dal centralismo asfissiante e incapace di "Roma ladrona" sbandierato dal partito di Bossi. Ma questa Padania, esiste? "La Padania non esiste" affermava a settembre il Capo dello Stato Giorgio Napolitano. Il ...

Leggi tutto

“Governo tecnico”… all’italiana.

Da quando Silvio Berlusconi ha presentato le dimissioni al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano si è molto parlato di "governo tecnico". Ma cos'è? Da dove viene questa espressione e, soprattutto, ha avuto dei precedenti? Il governo tecnico è un esecutivo formato solamente da "tecnici", esperti nei vari ambiti ministeriali, senza la presenza di parlamentari e politici. Da notare che è un' invenzion ...

Leggi tutto

“Non pago le tasse da venti anni”. E viaggia in Porsche.

Negli ultimi venti anni non aveva presentato una denuncia dei redditi. Un povero in canna si potrebbe pensare. Tuttavia lo si vedeva girare al volante della sua Porsche Cayenne o Bmw X6 nei paesi del lago d'Iseo. La cosa ha incuriosito la Guardia di Finanza che, indagando, ha scoperto molto di più. L'uomo gestiva una ditta che commerciava materiali industriali, sebbene il titolare risultasse un milanese res ...

Leggi tutto

19 novembre 2005. Marines uccidono 24 civili. Crimine di guerra in Iraq?

Il 19 novembre 2005 avvenne uno degli avvenimenti più cruenti di tutta la campagna militare in Iraq iniziata il marzo 2003. Nella cittadina di Haditha, a ovest di Baghdad, alle 7.15 esplode un ordigno al passaggio di un convoglio di marines americani. A perdere la vita è il giovane caporale Miguel Terrazas, 20 anni. A quel punto si scatena una vera furia omicida vendicativa da parte dei militari. Viene ferm ...

Leggi tutto

“Siamo liberi!”, “L’Italia ora è migliore!”. Davvero?

"Siamo liberi!", "L'Italia ora è migliore!". Caroselli di motorini e auto festanti per il centro di Roma, cori da stadio, insulti, sventolio di bandiere. Così appare la zona del Quirinale al passaggio dell'auto del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, Presidente che sta per consegnare le proprie dimissioni al Capo dello Stato. "Siamo liberi!", "L'Italia ora è migliore!". Queste due frasi mi hanno col ...

Leggi tutto

11 novembre 1961. L’ultima strage prima di Nassiryia: l’eccidio di Kindu.

Pochi ne sono a conoscenza di questo fatto, specialmente i più giovani. Dalla fine della Seconda guerra mondiale la strage più grave di militari italiani fu quella di Nassiryia nel 2003 in cui morirono 21 militari e 2 civili italiani. Prima di quel giorno, il triste primato era detenuto dall'eccidio di Kindu, città orientale dell'ex Congo belga (oggi Repubblica democratica del Congo) in cui vennero trucidat ...

Leggi tutto

Si va verso un governo Monti. Reazioni politiche e delle borse.

Sembra sempre più probabile l'ipotesi di un governo tecnico presieduto dall'economista Mario Monti. Ormai è l'unico nome che si vocifera e ieri l'incarico di "senatore a vita" ricevuto da Napolitano sembra la metafora dell'appoggio che Monti gode presso il Presidente della Repubblica che, ricordiamo, avrà il compito di decidere se affidare o meno l'incarico a un governo tecnico. GOVERNO MONTI? FAVOREVOLI. O ...

Leggi tutto

© 2012 il Ritaglio.it - Il Ritaglio è un blog ad indirizzo giornalistico e pertanto non è una testata registrata. |

Torna su